Tag:
Categoria:

SOCIETA'/ La gratuità che accende il cuore

01/12/2017 - 19:04

articolo_scuola.png

Quattro fatti, quattro storie concrete che mostrano quanto sia importante aprirsi agli altri, con gesti anche piccoli, ma gratuiti: fanno bene a noi stessi. Da ilsussidiario.net di Giorgio Vittadini

“Di cosa ti stupisci? Non c’è da fidarsi...”. Quella della collega di una preside di scuola media sembra la conclusione di buon senso di una vicenda che parla da sé. Un uomo di origine marocchina si presenta in una scuola libera chiedendo che il figlio venga ammesso perché nell’istituto pubblico che frequenta i professori non sono validi. Oltre a lodare le caratteristiche del figlio fornisce le credenziali del suo lavoro lasciando un tesserino da cui risulta che occupa una posizione di rilievo in una nota impresa di successo. Il ragazzo si presenta il giorno dopo e si scopre che non corrisponde alla descrizione del papà: è violento e tossicodipendente. La preside riguarda il cartellino lasciato dal padre e scopre che il nome della ditta è stato incollato: anche il genitore non è quello che ha detto di essere. Tutti sono concordi: il ragazzo non può essere ammesso, anche perché la scuola non è attrezzata per aiutarlo...

Continua la lettura



News.png Gli ultimi articoli

15 Dicembre 2017

Nella quarta puntata de «I dieci comandamenti», Iannacone ha raccontato una sorta di viaggio nella musica e nella vita del compositore e musicista Ezio Bosso (Dal Corriere della Sera di Aldo Grasso)

15 Dicembre 2017

Il ricordo a vent’anni dalla scomparsa. Ci eravamo conosciuti all’inizio degli anni Novanta. Ero direttore de l’Unità (Dal Corriere della Sera di Walter Veltroni)

15 Dicembre 2017

Per i giovani è sempre più difficile trovare un lavoro stabile, ben retribuito e con un percorso chiaro. Spesso solo perché vengono sfruttati. (Da ilsusssidiario.net di Giorgio Vittadini)

14 Dicembre 2017

Un tempo tutti venivano in cerca dell'America, terra di opportunità, di valori e di libertà. Ma oggi l'America è smarrita e ha bisogno di ritrovarsi. (Da ilsussidiario.net di Riro Maniscalco)

13 Dicembre 2017

La piccola era affetta da una rara malformazione diagnosticata in gravidanza. Ai genitori era stato suggerito l’aborto ma non si sono arresi: «Ci abbiamo creduto» (Dal Corriere della Sera di Cristina Marrone)

Leggi tutti gli articoli