Tag:
Categoria:

SCUOLA/ Il compito dei prof, smentire Seneca e dare ragione a Beatrice

15/07/2017 - 10:01

scuola_articolo.png

Alla fine dell'anno scolastico, o alla fine del corso degli studi superiori, la domanda più difficile che si può porre ad uno studente è "cosa resta?". Da ilsussidiario.net di Gianluca Zappa

"Non vitae, sed scholae discimus", scriveva Seneca all'amico Lucilio. E c'era dell'amarezza in questa sua constatazione: impariamo per la scuola, non per la vita. Per la scuola, per qualcosa di esterno a noi. Noi non ci siamo, non siamo davvero in ballo. Ci interessano i dati, le dottrine, le nozioni: quello che siamo ci interessa un po' meno. Dante, molti secoli dopo, nel canto V del "Paradiso", avrebbe messo in bocca a Beatrice un'altra grande, perentoria e laconica affermazione: "Non fa scienza sanza lo ritenere avere inteso". La guida mette in guardia il riverente discepolo: apri la mente, perché non basta capire, non basta il "sentito dire", ma occorre un coinvolgimento, il gusto di scoprire qualcosa di bello e di "fermarsi" dentro quel qualcosa. Questo è "scienza" e questo è il significato del "ritenere", cioè del trattenere dentro di sé...

Continua la lettura



News.png Gli ultimi articoli

22 Settembre 2017

Nell'attuale panorama politico italiano sembra esserci qualcosa di comune a tutti i partiti, spiega Giorgio Vittadini. Si tratta dell'abbandono dei corpi intermedi (Da ilsussidiario.net)

21 Settembre 2017

Non è una questione di casuistica né, solo, di retto discernimento. Esiste da sempre nell’uomo un’eco della voce del suo Creatore. Testo inedito di una straordinaria lezione mai pronunciata del card. Caffarra

21 Settembre 2017

Proponiamo di seguito l'intervento di mons. Pierbattista Pizzaballa all'ultima edizione del Meeting di Rimini

20 Settembre 2017

A 12 giorni dal terremoto di magnitiudo 8.2 che ha sconvolto il Chiapas, la terra è tornata a tremare con grado 7.1 a Città del Messico. Da ilsussidiario.net, il commento di Renato Farina

16 Settembre 2017

Una mamma e moglie scopre di avere un tumore. Ma scopre anche la bellezza di una quotidianità che aveva ridotto a sbiadita routine. Da Avvenire Le nostre voci di Marina Corradi

Leggi tutti gli articoli