Tag:
Categoria:

SCUOLA/ Il compito dei prof, smentire Seneca e dare ragione a Beatrice

15/07/2017 - 10:01

scuola_articolo.png

Alla fine dell'anno scolastico, o alla fine del corso degli studi superiori, la domanda più difficile che si può porre ad uno studente è "cosa resta?". Da ilsussidiario.net di Gianluca Zappa

"Non vitae, sed scholae discimus", scriveva Seneca all'amico Lucilio. E c'era dell'amarezza in questa sua constatazione: impariamo per la scuola, non per la vita. Per la scuola, per qualcosa di esterno a noi. Noi non ci siamo, non siamo davvero in ballo. Ci interessano i dati, le dottrine, le nozioni: quello che siamo ci interessa un po' meno. Dante, molti secoli dopo, nel canto V del "Paradiso", avrebbe messo in bocca a Beatrice un'altra grande, perentoria e laconica affermazione: "Non fa scienza sanza lo ritenere avere inteso". La guida mette in guardia il riverente discepolo: apri la mente, perché non basta capire, non basta il "sentito dire", ma occorre un coinvolgimento, il gusto di scoprire qualcosa di bello e di "fermarsi" dentro quel qualcosa. Questo è "scienza" e questo è il significato del "ritenere", cioè del trattenere dentro di sé...

Continua la lettura



News.png Gli ultimi articoli

22 Novembre 2017

Tutti a biasimare la scuola media che non farebbe il suo lavoro. Ma come sono i bambini che arrivano dalle elementari? Chi ha guastato la primaria? (Da ilsussidiario.net il commento di Corrado Bagnoli)

22 Novembre 2017

Parla il parroco della città martire siriana Maloula, padre Eid: «Noi cristiani dobbiamo perdonare ma se i musulmani non riconoscono gli errori commessi non ci potrà essere riconciliazione» (Da Tempi di Leone Grotti)

22 Novembre 2017

Da Il Foglio, la riflessione di Giuliano Ferrara sulle "colonizzazioni ideologiche" denunciate dal Santo Padre

22 Novembre 2017

"Caro don Luigi, il suo don Beniamino dapprima mi ha fatto venire in mente un celebre parroco che fuggì dalla canonica, il santo curato d’Ars" scrive Marina Corradi sulle pagine di Avvenire

19 Novembre 2017

A Umberto Eco è stata intitolata la sala studio di corso Mameli a Brescia. Dal Bresciaoggi, l'analisi di Piergiorgio Chiarini

Leggi tutti gli articoli