Tag:
Categoria:

SOCIETA'/ Lezioni dal passato pre-informatico

09/10/2017 - 19:19

radio_articolo.png

“The enormous radio”, un vecchio racconto di John Cheever che descrive perfettamente il sentimento diffuso dai social (Da Il Foglio di Matteo Marchesini)

Due mesi fa, in questa rubrica, notavo che i social ci mettono davanti a una dose di (ir)realtà decisamente eccessiva per la misura di un essere umano. Veniamo a conoscere miriadi di eventi, rapporti, intrecci di allusioni e situazioni a cavallo tra pubblico e privato che finiscono per deprimerci qualunque sia la loro natura, perché alimentano una continua ansia da confronto, e perché la vertigine della quantità virtuale svaluta la qualità della singola vita propria. E’ una malinconia diversa da quella che provocano i mass media, i format giornalistici del resto ormai simili a reality. Questa invasione “democratica”, oltre a rattristare, determina una speciale ipnosi: fatichiamo a distogliere lo sguardo, come se rischiassimo di perdere un’occasione o un’informazione decisiva sempre sul punto di affiorare da quella ragnatela di intimità autopromozionali, da quel videogame di reciproci controlli senza tregua...

Continua la lettura



News.png Gli ultimi articoli

15 Dicembre 2017

Nella quarta puntata de «I dieci comandamenti», Iannacone ha raccontato una sorta di viaggio nella musica e nella vita del compositore e musicista Ezio Bosso (Dal Corriere della Sera di Aldo Grasso)

15 Dicembre 2017

Il ricordo a vent’anni dalla scomparsa. Ci eravamo conosciuti all’inizio degli anni Novanta. Ero direttore de l’Unità (Dal Corriere della Sera di Walter Veltroni)

15 Dicembre 2017

Per i giovani è sempre più difficile trovare un lavoro stabile, ben retribuito e con un percorso chiaro. Spesso solo perché vengono sfruttati. (Da ilsusssidiario.net di Giorgio Vittadini)

14 Dicembre 2017

Un tempo tutti venivano in cerca dell'America, terra di opportunità, di valori e di libertà. Ma oggi l'America è smarrita e ha bisogno di ritrovarsi. (Da ilsussidiario.net di Riro Maniscalco)

13 Dicembre 2017

La piccola era affetta da una rara malformazione diagnosticata in gravidanza. Ai genitori era stato suggerito l’aborto ma non si sono arresi: «Ci abbiamo creduto» (Dal Corriere della Sera di Cristina Marrone)

Leggi tutti gli articoli