26 Settembre

La forza del male e la domanda di un senso

Due figlie che con il loro fidanzato uccidono la madre. Il caso dell’omicidio della ex vigilessa in Val Camonica lascia senza parole. E’ la fredda lucidità del male coperta dalle menzogne. “Eppure è una possibilità presente, per tutti. Non serve un curriculum criminale e non è colpa della società”, si legge nell’editoriale di Piergiorgio Chiarini su Bresciaoggi. Di fronte a questo “restano le domande su quale sia il senso di tutto ciò, per non lasciare che l’ultima parola sia quella di un male diabolico e invisibile che altera la misura stessa dell’umanità”.

19 Settembre

«Dio nei campi di sterminio c’era, l’ho capito così»

Jadwiga Pinderska Lech, presidente della Fondazione vittime di Auschwitz-Birkenau, tiene viva la memoria di quanto avvenne nel campo di sterminio. Oggi lavora ad Auschwitz nella stanza che fu di Eduard Wirths, il capo di Mengele. In un’intervista al Corriere ripercorre la sua esperienza con un finale spiazzante tutto da leggere.

12 Settembre

11 Settembre: “Io c’ero, ma la memoria di allora non basta più”

L’11 Settembre è solo un anniversario da ricordare, destinato a sbiadirsi nell’inevitabile scorrere del tempo? Riro Maniscalco quel giorno di vent’anni fa era a New York. Lo ricorda su ilsussidiario.net e aggiunge: “Quello che spero di non dimenticare mai è quel desiderio, quella fame di vita che quel giorno ci assalì tutti, quella percezione netta di ciò che nella nostra esistenza conta e di quello che non conta, di quel che ha valore e quel che non ne ha, che siamo fatti per la vita e non per la morte, quel lampo di consapevolezza che ti fa vedere quanto siamo affamati di bene e capaci di male”.

05 Settembre

«Io ferito da Dostoevskij»

Ritorna da oggi il nostro appuntamento domenicale con «Fissiamo il pensiero». Lo riproponiamo visto il successo e il seguito che ha avuto nel corso dell’ultimo anno. Nel marasma di informazioni, dati e commenti che ogni giorno ci piovono addosso è un’occasione per richiamare l’attenzione su fatti, notizie e giudizi che meritano di essere sottratti alla generale distrazione. La proposta di oggi è l’intervista tratta da Bresciaoggi del 2 settembre allo scrittore e blogger Paolo Nori, finalista al Premio Campiello, per il suo libro Sanguina ancora (Mondadori) dedicato all’«incredibile vita» di Fëdor Dostoevskij.

11 Luglio

Suggerimenti per le vacanze

Quello di oggi è l’ultimo «Fissiamo il pensiero» prima di una breve pausa estiva. Proponiamo la lettura del commento di Massimo Gramellini dal Corriere dell’8 luglio dedicato al gesto dell’allenatore della nazionale spagnola Luis Enrique dopo la sconfitta nella partita con l’Italia che ha colpito molti. L’estate e le vacanze possono essere anche un’occasione favorevole per riscoprire la bellezza di leggere. Insieme all’appuntamento di questa settimana troverete perciò anche alcuni suggerimenti di libri che vi segnaliamo per la lettura.

04 Luglio

Un Muti tutto da leggere

Riccardo Muti alla vigilia degli ottant’anni si racconta in una lunga intervista tutta da leggere al Corriere della Sera e descrive un mondo che non riconosce più. «E siccome non posso pretendere che il mondo si adatti a me, preferisco togliermi di mezzo. Come nel Falstaff: “Tutto declina”»
Diversi i passaggi interessanti: «L’Italia è piena di teatri del ’700 e dell’800 ancora chiusi. L’ho detto a Franceschini: riapriteli, dateli ai giovani. Formate nuove orchestre: Aiutate le centinaia di bande che languiscono, ridotte al silenzio da un anno e mezzo, con il disastro economico delle famiglie».
E ancora: «Con il Metoo, Da Ponte e Mozart finirebbero in galera. Definiscono Bach, Beethoven, Schubert “musica colonialista”: come si fa?».

27 Giugno

Il pozzo infernale

A quarant’anni dalla tragedia di Vermicino dove il piccolo Alfredino Rampi perse la vita cadendo in un pozzo nonostante i tentativi disperati di salvarlo, si torna a parlare di quella drammatica vicenda dopo la scelta di Sky di realizzare una fiction. Sul tema segnaliamo l’articolo di Giuliano Ferrara sul Foglio del 22 giugno: “Non si impastano fiction e reality con la disperazione che paralizzò l’Italia per l’incidente di Vermicino”. C’è un confine fra realtà e finzione che non può essere superato per trasformare tutto in intrattenimento.

20 Giugno

Quanti stanotte andranno a letto felici?

Rosa Montero è una nota scrittrice e giornalista spagnola. Dopo la fine del coprifuoco a Madrid ha pubblicato sul quotidiano El Pais l’articolo che segnaliamo questa settimana. Vede la folla tornare per le strade di notte dopo mesi di blocco, si percepisce il desiderio bruciante di possedere la vita. Ma quanti, si chiede, questa notte andranno a letto felici? Perché non impariamo da quel che succede?

13 Giugno

Per non accontentarsi di tornare alla normalità

Fare i conti con le domande che la pandemia ha suscitato in noi senza accontentarsi del ritorno alla normalità. In un articolo sul Corriere del 9 giugno Dario Di Vico si confronta con il libro appena pubblicato di Julian Carron “C’è speranza? Il fascino della scoperta”. «Leggendo il libro ho apprezzato da subito lo sforzo di rivolgersi a tutti, di non cercare solo platee amiche», scrive. «Ma quello che è ancor più interessante nella trama di Carrón – aggiunge – è che l’attesa si presenta come una condizione di apertura al punto da scrivere “attraverso la crepa entra la luce”. Mi sono chiesto quanti laici sarebbero disposti a sottoscrivere questa frase».

06 Giugno

L’ira e la pietà

I Måneskin nel loro ultimo successo urlano di essere “fuori” da un sistema che non li riconosce e li vuole “zitti e buoni”. E’ “il rock dell’ira”, lo definisce Alessandro D’Avenia in un articolo sul Corriere. Che cosa non viene riconosciuto? In un’altra loro canzone dicono: “Ho paura di lasciare al mondo soltanto denaro/ che il mio nome scompaia tra quelli di tutti gli altri”. L’ira – scrive D’Avenia – è “il frutto del mancato riconoscimento del nome, un sentimento oggi molto diffuso tra i giovani”. Eppure l’ira non basta, “ci vuole la pietà, questo rende l’uomo grande: rompe la dinamica oppressi/oppressori e apre al riconoscimento di sé e dell’altro”.

30 Maggio

Dentro il dramma un bene inaspettato

Può una tragedia incredibile come quella della funivia del Mottarone essere attraversata da un bene? Può la tragedia della morte di una persona amata non essere l’ultima parola sulla sua vita? Le testimonianze che proponiamo questa settimana – un articolo tratto da ilsussidiario.net sulla storia del piccolo Eitan unico sopravvissuto nella caduta della funivia e le parole lette da una figlia per la morte di sua madre dopo una lunga e dolorosa malattia – dicono di questa possibilità inaspettata, di una speranza che si fa strada dentro il dramma.

23 Maggio

Tessitori di eternità

“Ogni artista è un tessitore di eternità e non fa che tendere fili invisibili tra la nostra dimensione e l’Altrove”. L’ha scritto Massimo Gramellini sul Corriere delle Sera in occasione della morte di Franco Battiato. “Che cosa piangiamo, dunque, quando piangiamo un musicista – si domanda -? Non la persona fisica, dato che pochi di noi avevano potuto godere della sua intimità. E nemmeno le opere, che per fortuna rimangono a farci compagnia anche dopo la sua scomparsa. Forse piangiamo quel pezzo di buio che si crea all’improvviso dentro ciascuno di noi, ogni volta che si spegne una luce che, come un piccolo sole, brillava per tutti”.

Idee, sogni, riflessioni

Il pensiero umano viaggia velocemente. Che siano semplici idee, piccoli o grandi sogni, riflessioni sulla vita, confronti o discussioni, noi vogliamo riportarle qui, in questo spazio dedicato.