16 Ottobre

Beethoven, i libri, un dialogo continuo, ricordo di don Giussani

Ieri, 15 ottobre, ricorrevano i cento anni dalla nascita di don Luigi Giussani. Proponiamo il ricordo che ne ha fatto sul quotidiano Il Foglio Eugenio Borgna, uno dei più importanti psichiatri italiani, oltre che scrittore molto apprezzato. Al fondatore di Comunione e Liberazione lo scorso 26 maggio la Fondazione San Benedetto ha dedicato un incontro pubblico che è possibile rivedere sul nostro sito. «La sua capacità di ascolto – scrive Borgna – era straordinaria, animata dalle parole e dai gesti, dal sorriso e dall’accoglienza, che sapeva donare alle espressioni della gioia e della sofferenza: a quelle degli altri, e alla sua».

09 Ottobre

Partiti, prove d’orchestra

In vista dell’insediamento del nuovo parlamento e della formazione del nuovo governo «si può sperare che gli attuali partiti evolvano verso forme e posizioni riconducibili a ideali chiari, come accade in altri Paesi? Sarebbe un passo molto importante». Lo scrive il professor Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la Sussidiarietà con la quale sin dall’inizio collabora la Fondazione San Benedetto. Un giudizio lucido e realista sull’attuale quadro politico nel quale ci riconosciamo. «A quali condizioni potrebbe verificarsi questo ritorno delle formazioni politiche italiane a concezioni ideali? Un siffatto cambiamento – sottolinea Vittadini – può avvenire solo per quei partiti che accetteranno di riconnettersi alle realtà sociali ispirate a ideali di bene comune».

Albrecht Dürer, Autoritratto di monaco
02 Ottobre

Quei versi di Carver in cui riconosco il volto di Gesù

«Per Freud, Marx o Nietzsche forse sono un illuso, ma io Cristo me lo tengo stretto, come Dostoevskij. Non mi serve a farmi piacere la vita, ma a fare della vita un piacere». Sul Corriere della Sera del 24 settembre lo scrittore Alessandro D’Avenia dedica il suo ritratto d’autore a Gesù. «Non è la favola che spinge a puntare sull’aldilà, ma una sfida lanciata all’aldiquà – scrive -. Per me Cristo è vita che sveglia la vita».

25 Settembre

Le memorie che Marchionne non ha potuto scrivere

Un interessante ritratto tutto da leggere di Sergio Marchionne firmato da Massimo Gramellini sul Corriere della Sera del 19 settembre. Dalla globalizzazione al capitalismo che manda in miseria il ceto medio, dal rapporto con la politica a quello con gli operai e il sindacato, ecco cosa pensava l’ex amministratore delegato della Fiat scomparso nel luglio 2018. Con un pensiero anche alla scuola che deve anzitutto “dare gli strumenti non per trovare un lavoro ma per aprire la testa: è così che troverai anche un lavoro”.

18 Settembre

La fragilità delle democrazie e la nostra responsabilità

Le democrazie appaiono oggi fortemente indebolite. Sembrano inadatte ad affrontare in modo adeguato problemi di portata mondiale come per esempio quelli legati al cambiamento climatico. Eppure i sistemi democratici rimangono l’unica via per contribuire alla costruzione del bene comune attraverso la responsabilità di tutti e la cooperazione dei diversi soggetti sociali. Su questo tema proponiamo un estratto della lectio del presidente uscente della Corte Costituzionale Giuliano Amato tenuta giovedì all’Università di Roma La Sapienza in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico.

11 Settembre

Un paese in cerca della fiducia perduta

Mentre si avvicina la scadenza elettorale del 25 settembre proponiamo la lettura dell’articolo di Michele Brambilla pubblicato sul quotidiano Il Foglio. Sono ormai tre elezioni di fila che gli italiani o non vanno a votare o votano chi dice che fa tutto schifo. «È la classe politica il problema del paese? Oppure il male è la mancanza di fiducia nel futuro?», si domanda Brambilla. Ma un popolo senza fiducia non ha futuro. Per ritrovarla bisogna pensare all’Italia degli anni 60, che sorrideva e guardava avanti.

04 Settembre

Il Meeting e la forza di un’esperienza

Dal Corriere della Sera del 27 agosto la risposta di Aldo Cazzullo alla lettera di un lettore sul Meeting di Rimini. Il Meeting esiste da oltre quarant’anni e continua a sorprendere soprattutto perché è un luogo dove si può fare un’esperienza vera, dove si respira un’aria diversa. Come Fondazione San Benedetto quest’anno abbiamo sostenuto nell’ambito del Meeting la realizzazione della mostra sul beato Rosario Livatino, giovane magistrato siciliano ucciso dalla mafia nel 1990. È di questi luoghi che oggi c’è assoluto bisogno e soprattutto i giovani spesso faticano a trovarli. Come il Meeting la San Benedetto è uno di questi luoghi. Siamo consapevoli di essere una minoranza, una piccola cosa, ma ci siamo. Se in tutti questi anni la nostra azione fosse stata dettata da un obiettivo politico o dalla reazione a qualcuno o a qualcosa, da tempo si sarebbe esaurita.

31 Luglio

La politica malata e l’amore per la realtà

Quella di oggi è la nostra ultima newsletter prima della pausa estiva. Vogliamo proporvi due articoli di due amici della Fondazione San Benedetto come spunto per un giudizio in vista della campagna elettorale e del voto del 25 settembre. Due articoli che analizzano in modo chiaro il male che da tempo attanaglia la politica e il compito a cui ciascuno è chiamato. Il primo è di Mario Mauro, già ministro della Difesa, e il secondo di Alberto Mingardi, direttore dell’Istituto Bruno Leoni. Insieme invitiamo alla lettura di un testo di Edgar Morin, schegge di saggezza di uno dei più acuti intellettuali contemporanei. Come abbiamo sottolineato la scorsa settimana, prima della politica c’è sempre la vita e queste parole aiutano a ricordarcelo e a scoprire, come scrive Morin, «la Realtà che si nasconde dietro le nostre realtà».
Buone vacanze! L’appuntamento con «Fissiamo il pensiero» tornerà a inizio settembre.

24 Luglio

La crisi politica e la vita che incombe

Il tema obbligato del nostro appuntamento domenicale questa settimana dovrebbe essere la crisi di governo con il ritorno al voto. Su quanto accaduto come fondazione ci siamo fatti un giudizio e non mancheremo di condividerlo presto con chi ci segue. Oggi vogliamo invece proporvi la lettura di un articolo di Marina Corradi, apparso su Avvenire, dedicato a un fatto di cronaca di questi giorni: a Milano una madre ha abbandonato in casa da sola, per sei giorni, una bambina di 18 mesi facendola morire. Una vicenda inaudita sintomo di una grave situazione di malessere, disagio e irresponsabilità che investe tutta la società. Un problema che riguarda anche la politica ma che viene ben prima ed è molto più profondo. Non dobbiamo mai dimenticare che prima della politica c’è la vita.

17 Luglio

Scalfari, il cercatore dell’Assoluto che ha liquidato un popolo

La morte di Eugenio Scalfari segna la scomparsa di un protagonista che ha inciso in modo significativo sul cambiamento della scena culturale, sociale e politica dell’Italia negli ultimi settant’anni. Sul tema, dal quotidiano online ilsussidiario.net, questa settimana segnaliamo l’articolo di Giacomo Scanzi, una lettura critica del ruolo svolto dal fondatore de L’Espresso e di Repubblica.

10 Luglio

Strage della Marmolada, quando la bellezza diventa morte

Una settimana fa il crollo di un pezzo di ghiacciaio sulla Marmolada ha seminato morte in alta quota. Di fronte a quanto successo c’è chi non resiste al bisogno di spiegare tutto e di trovare a tutti i costi un colpevole. In realtà è una tragedia che ci spiazza e ci sconcerta per la sua imprevedibilità che va oltre le nostre risposte facili e accomodanti. Come scrive Monica Mondo nell’articolo pubblicato da ilsussidiario.net che segnaliamo questa settimana, sono tante le domande che si aprono. Perché quelle vittime, perché a quell’ora? Perché Dio – se c’è – permette questo male?

03 Luglio

La prof. che portò Havel in Italia

La storia è spesso fatta da persone che nessuno conosce e che, lontano dai riflettori e nella disattenzione generale, fanno azioni e compiono iniziative destinate a lasciare un segno del tutto imprevedibile. È il caso di Antonietta Tartagni, un’insegnante di Forlì morta pochi giorni fa. Il Foglio le ha dedicato un articolo perché a lei si deve nel 1979 la prima traduzione in Italia e in Europa de “Il potere dei senza potere”, il libro-manifesto di Václav Havel, drammaturgo ceco allora in carcere a Praga in quanto esponente di punta del dissenso al regime comunista. Il libro arrivato in Italia in modo rocambolesco racconta il tentativo di vivere nella verità nella Cecoslovacchia comunista da cui partì la Rivoluzione di velluto che nel 1989, in modo assolutamente non violento, portò al rovesciamento del regime e all’elezione proprio di Havel alla presidenza della repubblica.

Idee, sogni, riflessioni

Il pensiero umano viaggia velocemente. Che siano semplici idee, piccoli o grandi sogni, riflessioni sulla vita, confronti o discussioni, noi vogliamo riportarle qui, in questo spazio dedicato.